Il sito utilizza cookie anche di terze parti. Proseguendo nella navigazione se ne accetta l’utilizzo. Per l’informativa completa anche sulla disattivazione cliccare qui Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ok

Theme Settings

Mode Layout
Theme color
Choose your colors
Background Color:
Reset

.

Filtri attivi

G. Cozza

12,50 €

G. Cozza

12,50 €

M. Cristiana

12,00 €

M. Cristiana

12,00 €

S. Marianelli

13,00 €

S. Marianelli

13,00 €

L. Stefanelli

12,50 €

L. Stefanelli

12,50 €

A. Recami

12,50 €

A. Recami

12,50 €

M. Campi

25,00 €

M. Campi

25,00 €

AA. VV.

12,00 €

AA. VV.

12,00 €

A. Nutini

12,00 €

A. Nutini

12,00 €

T. Novi

12,00 €

T. Novi

12,00 €

S. Montomoli

12,00 €

S. Montomoli

12,00 €

S. Montomoli

14,00 €

S. Montomoli

14,00 €

S. Montomoli

10,00 €

S. Montomoli

10,00 €

S. Montomoli

14,00 €

S. Montomoli

14,00 €

C. Lomele

20,00 €

C. Lomele

20,00 €

S. Bedini

12,50 €

S. Bedini

12,50 €

P. Pagliarini

13,50 €

P. Pagliarini

13,50 €

S. Montomoli

13,00 €

S. Montomoli

13,00 €

K. Taddei

13,50 €

K. Taddei

13,50 €
12,50 €

G. Cozza

Il portare è una delle modalità che abbiamo per prenderci cura dei nostri bambini e per relazionarci con loro.
Un’esperienza emozionante per grandi e piccini! Attraverso lo sguardo dei due piccoli protagonisti, Caterina e Totò, scopriamo insieme la consuetudine di portare i bimbi.
La storia, pensata per bimbi dai 3 anni circa, è arricchita da un approfondimento sul mondo del babywearing.

Dalla bandella di prima:
“Io prima ero nella pancia della mamma e poi ero fuori, ma dentro la fascia” Caterina e Totò sono al parco quando vedono una mamma che porta il suo bimbo nella fascia. Questo incontro offre lo spunto per una conversazione “a misura di bambino” sulla consuetudine di portare i piccoli nel mondo animale (come fanno mamma canguro, mamma koala e mamma scimmia) e sulla bellezza di trascorrere tempo cuore a cuore con mamma e papà.

Pre-order
12,00 €

M. Cristiana

Personaggi emblematici, universi fantastici, natura sognante, principi di saggezza svelati attraverso la narrazione che accompagna il lettore nel proprio mondo interiore. Quattro fiabe, con le relative schede di analisi, percorrono le diverse strade della consapevolezza e della scoperta di sé.

Il testo è arricchito di 24 mandala da colorare.

Dalla quarta: La saggezza è ovunque, dentro e intorno a te. Se la strada è la tua, perché mai dovrebbe guidarti qualcuno all’infuori di te?

L’Autrice: Medico omeopata fitoterapeuta, ha una formazione in discipline per il benessere corpo-mente.

Ha creato il sito www.omeopatiaefitoterapia.com per diffondere gli studi scientifici in questi ambiti.

In Stock
13,00 €

S. Marianelli

Una storia vera resa fiaba dal tempo

Nella campagna toscana dai primi del Novecento al sorgere del Ventennio, un giovane incurante del denaro e delle ideologie segue il proprio istinto che lo spinge a realizzare le capacità di cui è dotato. Sullo sfondo del contesto sociale e culturale dell’epoca, si snodano le vicende dei protagonisti: un calzolaio di paese manda il proprio figlio, nonché suo allievo, a provvedere di scarpe un contadino.

Il giovane ne conosce la figlia, una ragazzina sui sedici anni, che è claudicante in seguito a una malattia dell’infanzia e, per la vergogna, non parla e non esce più di casa. Commosso dalla situazione, il giovane figlio del calzolaio decide di aiutarla.

In Stock

L. Stefanelli

Dalla quarta:

“Terra di bestie, la Maremma: uccelli d’ogni tipo, e poi ramarri, vipere, frustoni, bottai, saettoni, cinghiali, ricci, istrici, tassi, nutrie, lupi, daini, caprioli, donnole, perfino le lontre, ma il più indomestico e fuori luogo di tutti è proprio l’uomo.”

Un romanzo in musica per rivivere la Maremma della seconda metà dell’Ottocento e conoscere gli uomini e le vicende che l’hanno animata.

Descrizione:

“Io, Domenico Tiburzi, nacqui a Cellere, in provincia di Viterbo, il 28 maggio di 60 anni fa, in una famiglia povera ma non abbastanza, perché l’occhi pe’ piagne il Signoriddio ce l’aveva lasciati, bontà sua. Terra ingrata la Maremma, non ti ridà la metà della fatica che fai pe’ coltivalla. Erano anni quelli in cui le bestie e il formaggio secco li dovevi divide colle zanzare, non potevo fa altro che il pastore ol bracciante: piegato sulla vanga a rovescia’ zolle da mattina a sera. So sempre stato una testa calda, che vòi… E ‘un mi so mai garbati quelli che sfottono e non ho mai riconosciuto l’autorità, ero fatto così.”

Ogni capitolo è arricchito di un QR code con cui poter ascoltare letture e brani dell’omonimo spettacolo teatrale.

In Stock
12,50 €

A. Recami

Actes, giovane etrusco di cui percorriamo la vita fino alla vecchiaia, in una serie di episodi, luoghi e persone dipinge quel mondo, che ci appare ancora favoloso e nebuloso. Lo scenario è la costa toscana e laziale, ma con puntate in altri paesi, a soddisfare il suo innato desiderio di conoscenza e di curiosità. In parallelo, un personaggio moderno racconta sue storie di oggi, in qualche modo legate a quei luoghi, o ad un sentire simile a quello dell’etrusco. Un filo di mistero collega i personaggi come un’avventura fantastica che supera il tempo.“L’aver preso da tutti deve essere stata la loro forza; ma anche la loro debolezza, nella frammentazione che li ha visti sconfitti dal monolite romano.

In Stock
25,00 €

M. Campi

“Vago per montagne. In tutte le stagioni. Con qualsiasi tempo. Mi inchino a questa terra, solenne Frignano che tanta fatica ha preteso e pretende dalle sue genti. Mi emoziona ritrovarmi nella albe e tramonti millenari, con gli stessi occhi arrossati dal vento e dalle lacrime di chi, su questa terra decise di vivere.

Riflessioni, parole, scritti nati in montagna, in riva all’acqua, in giornate autunnali, mentre cammino sulla neve, ascolto il bramito del cervo, vedo un uomo curvo zappare sul proprio lembo di terra. Moltitudini di pensieri trasportati su carta per chi ha voglia di leggerli e perdersi nelle proprie emozioni.”

In Stock
12,00 €

AA. VV.

Lieto fine: lo conosciamo tutti, lo bramiamo tutti. Ma ci pensiamo sempre poco e spesso quando lo facciamo lo colleghiamo alle favole. Alla fantasia.

Il lieto fine invece è reale, concreto, semplice. Basta cercarlo, basta sceglierlo. E spesso non ha niente a che fare con le favole e con mondi fantastici ma è molto essenziale, terreno. E le centinaia di racconti che ci sono arrivati da tutta Italia per partecipare al concorso “Lieto Fine” ne sono la prova tangibile.

Ecco, a noi di Pollyanna.it e Ouverture Edizioni, piacerebbe che questi venti racconti selezionati fossero un piccolo inizio di questa educazione alla felicità. Ma se anche solo vi strapperanno un sorriso o vi faranno conoscere un’altra visione delle cose saremo comunque (e per sempre) felici e contenti.

In Stock

A. Nutini

Vita da bestie 2 - Fiabe riviste e corrette, per bambini cresciuti ed adulti burloni

“Alessandro Nutini ha scritto un libro. E siccome è più duro di una batteria arrugginita, non si è accorto di aver scritto un gran bel libro. Il Nuto è convinto di aver scritto una cosa piccola, o medio bassa, e noi glielo lasceremo credere perché altrimenti quel barbone con i capelli scompigliati si monta la testa.

I racconti che Nutini scrive sono il riflesso di uno specchio non genuflesso sulla società. Nutini mastica lo stereotipo, qualcosa fagocita, qualcosa sputa e trasforma.

Tiene l'essenziale perché  ci possiamo riconoscere e ritrovare, però modifica la sostanza. Nei suoi racconti Nutini trasforma l'inevitabile nel piè di porco per destabilizzare il lettore, farlo ridere di sé e sospirare per la storia di altri. Ma gli altri, ce l'ha già ricordato un cantante, siamo noi.”

In stock

T. Novi

Raccontare la tua vita mentre si immerge e trasforma nelle altre esistenze che si vivono giocando online

Il libro di Tommaso Novi nasce cronologicamente prima del suo primo album da solita Se Mi Copri Rollo Al Volo. Narrazione veloce e coinvolgente, videogames e mondi paralleli dove quotidianità e gioco si alternano. “Ecco una grande idea, avevo pensato: raccontare la tua vita mentre si immerge e trasforma nelle altre esistenze che si vivono giocando online, insieme agli altri, o da soli.

Ecco uno stile di scrittura veloce, onesto, con un ritmo e una intensità da romanzo che si legge tutto d’un fiato.” (dall’introduzione di Roan Johnson)

In stock

S. Montomoli

Secondo Erodoto gli Etruschi, che in realtà si chiamavano Rase(n)na o Rasna, venivano dall’Asia minore, in particolare dall’antica regione Lidia, oggi parte della moderna Turchia.

In Lidia si sarebbe verificata una prolungata e grave carestia che avrebbe indotto il re Atis ad organizzare la prima grande migrazione verso la nostra penisola via mare, a cui ne seguirono, certamente, molte altre, anche dalle regioni confinanti. Ma non c’è nessun racconto che descriva queste migrazioni.


Sappiamo sicuramente che se non c’era vento dovevano remare. Ma in quali avventure si saranno trovati coinvolti? Quante difficoltà drammatiche avranno dovuto superare?

In Stock

S. Montomoli

Di giorno operai, di notte tombaroli.

In questo romanzo diurno e notturno, realistico e fantastico, moderno e antico, due binari paralleli: da una parte la Piombino città-fabbrica delle lotte sindacali degli anni Cinquanta, della militanza nel PCI, degli affari familiari, dell’impegno politico, dall’altra la necropoli etrusca di Baratti, serbatoio di preziosi tesori archeologici sepolti dalla terra e ghiotti da essere profanati per arricchirsi illegalmente e provare il brivido di sfidare il tempo.

A questa duplice articolazione del racconto, se ne aggiunge una terza: la storia dell’etrusco Akel, orgoglioso e fiero della sua Populonia.

In Stock

S. Montomoli

Chi è realmente la donna sepolta nella tomba di tufo tra gli ulivi di Volterra? E come è morta?

Un giallo etrusco che ha come teatro il triangolo Populonia, Volterra, Tarquinia. Un romanzo ambientato nel tempo antico che ci racconta la storia di una amicizia straordinaria scandita da suspense, amori, odi, colpi di scena, avventure, in una fase dell’Etruria segnata da scelte economiche, politiche e militari difficili.

Viene delineato in modo plausibile un ambiente sociale - di cui si sa ancora troppo poco - e la vita di Akel, principe e guerriero etrusco della città dell’acciaio di Populonia, teso nella risoluzione di un delitto atroce e a costruire il proprio destino.

In Stock

S. Montomoli

Secondo Erodoto gli Etruschi, che in realtà si chiamavano Rase(n)na o Rasna, venivano dall’Asia minore, in particolare dall’antica regione Lidia, oggi parte della moderna Turchia.

In Lidia si sarebbe verificata una prolungata e grave carestia che avrebbe indotto il re Atis ad organizzare la prima grande migrazione verso la nostra penisola via mare, a cui ne seguirono, certamente, molte altre, anche dalle regioni confinanti. Ma non c’è nessun racconto che descriva queste migrazioni.

Sappiamo sicuramente che se non c’era vento dovevano remare. Ma in quali avventure si saranno trovati coinvolti? Quante difficoltà drammatiche avranno dovuto superare?

In Stock

C. Lomele

Conversazioni con il mondo vivente.
Nei luoghi naturali, quando c’è una certa luce, una certa distanza o altezza dagli occhi, un certo modo di porre lo sguardo o l’orecchio, capita di scoprire certi particolari abitatori di quel luogo.

Ed è tutto lì, in quel piccolo ora…

In Stock

S. Bedini

Stress, vita frenetica, stanchezza e malesseri. Chi non ne ha mai sofferto? Una torta di mele può aiutare a sentirsi meglio?

In Stock

P. Pagliarini

Quella mattina sull’Aurelia spirava un vento gelido. Di quelli che tagliano la faccia. Lorenzo accettando un passaggio in autostop, non pensava certo di andare incontro ad uno sconcertante destino. E nessuno poteva immaginare che quel fatale incidente andasse a collocarsi in una trama oscura rivelando realtà nascoste e sconcertanti.

Luana Del Presale, l’affascinante sostituto procuratore di Grosseto e il maresciallo dei Carabinieri di Follonica, Gaetano Barbarossa, in un crescendo di tensioni, andranno a scoprirei fatti criminali che legano in un intreccio perverso luoghi e personaggi: dalla selvatica Garibalda, madre-padrona di cinque figli con i quali vive in un bosco isolato dal mondo, allevando e macellando maiali, a Spartaco e Michela, giovane e sfortunata coppia di contadini in procinto di diventare genitori, allo strano ed elegante girovago che sa uccidere i maiali e sa lavorare la loro carne. E forse non solo la loro carne...

In Stock

S. Montomoli

Una piacevole crociera si tinge di giallo.

Mistero, tensione e indagini a ritmi serrati in questa nuova avventura di Matteo e Denise, giovani innamorati e pieni di energie. Una storia d’amore ma anche un’oscura vicenda che attinge drammaticamente, all’attualità italiana.

In stock

K. Taddei

Niccioleta, giugno 1944. Una tra le stragi più efferate di una guerra che stava volgendo alla fine. 83 minatori trucidati dai nazifascisti. Morti per sbaglio, per caso, per sfortuna, o perché si sa: la guerra è guerra.

In Stock